Come distruggiamo il nostro fegato?

Pubblicato il Lascia un commento

Come distruggiamo il nostro fegato?

Орігель Україна

Le condizioni del fegato, uno degli organi più grandi, influenzano il funzionamento di tutti gli altri organi e sistemi interni del nostro corpo. È definito un abile “lavoratore” perché è coinvolto nel metabolismo e in molti altri processi, lavorando senza sosta. Naturalmente, un organo così vitale deve essere trattato con grande attenzione. Se siamo consapevoli dei fattori che influiscono negativamente sul funzionamento del fegato, possiamo prevenirne la distruzione.

Cibi sbagliati

Il fattore più comune che contribuisce alla distruzione del tessuto epatico e causa infiammazioni è il consumo di cibi sbagliati. Questi includono:

  • Cibi grassi. I cibi affumicati, grassi e piccanti sono dannosi per la funzione epatica. Una delle funzioni principali del fegato è quella di preparare i grassi per l’espulsione dal corpo. Se la dieta ne contiene troppi, il fegato non ha il tempo di elaborarli. Sono ricchi di carboidrati, che il fegato elabora. Se lo si sovraccarica di questi alimenti, non avrà nemmeno il tempo di elaborarli. Quando si consuma alcol, il fegato inizia a combattere le tossine che entrano nel corpo con l’alcol. Le malattie croniche di questo organo si sviluppano spesso sullo sfondo dell’alcolismo.
  • La distruzione del tessuto epatico è causata anche dalla mancanza di alimentazione, dal seguire diete senza prescrizione medica e da un’alimentazione inadeguata.

Le cattive abitudini e altri fattori

influenzano negativamente anche la condizione e la funzione del fegato:

  • fumo;
  • tossine domestiche (ad esempio, parti di prodotti chimici per la casa di scarsa qualità);
  • uno stile di vita sedentario;
  • poca ecologia;
  • rapida perdita o aumento di peso;
  • stress costante;
  • assunzione di farmaci non testati, ecc.

Il corretto funzionamento del fegato è favorito da una dieta e uno stile di vita adeguati, oltre che da “Ergeron”.”

Abbonatevi a Ergeron sul nostro sito web e siate in salute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *